Provider VPN e loro utilizzo di server (virtuali) falsi

Mentre mi tuffo più a fondo negli aspetti tecnici dei servizi VPN per giudicare la loro autenticità, finisco sbalordito dagli strati di complessità che seguono l'esempio. Sembra irreale a volte.


Se gli utenti non stanno attenti ai blocchi VPN o alle giurisdizioni dei nemici su Internet, devono fare attenzione ai criteri di registrazione invasivi e alle perdite di indirizzi WebRTC / DNS / IP.

Ora, devi anche mantenere le tue difese per i provider che utilizzano le posizioni dei server FAKE. Sì, purtroppo è una cosa TROPPO. Certo, più sai, meglio è.

Ecco perché BestVPN.co ha lavorato a stretto contatto con esperti IT e di rete per rispondere alle domande degli utenti, che vogliono sapere cosa’s il miglior servizio VPN e quale non è rischioso da usare.

Alla luce di ciò, ho creato questa guida approfondita riguardante “Posizioni server VPN false” indicato come “Server virtuali” dai fornitori sul mercato. Spero che risponda a tutte le tue domande!

I migliori server VPN

  1. È un male che i servizi VPN utilizzino server virtuali?
  2. Perché i provider VPN utilizzano questi server falsi?
  3. Test dei provider VPN e delle relative posizioni dei server
  4. Provider che utilizzano posizioni virtuali

Cosa sono le posizioni dei server VPN virtuali?

Alcuni provider sul mercato potrebbero non essere esattamente onesti riguardo alle loro offerte di servizi. Sostengono di offrire server fisici in varie posizioni, ma alcuni di loro sono in realtà virtuali.

Ciò significa che ti connetti a un server situato in un paese, ma ricevi un indirizzo IP da uno assegnato a un altro paese. Ad esempio, un server in Cina potrebbe effettivamente provenire dagli Stati Uniti.

Ottieni un indirizzo IP cinese, ma il percorso di traccia indica il routing della connessione da un server negli Stati Uniti. Questo fa meraviglia: le VPN hanno server in posizioni esotiche?

In molti casi, la risposta è no, in particolare per truffe VPN gratuite. Tuttavia, ho trovato molti servizi premium colpevoli dello stesso, di cui parlerò di seguito con esempi reali.

È un male che i servizi utilizzino posizioni virtuali di VPN virtuale?

C'è un motivo per cui chiamo questi server virtuali “falso”. Sono dannosi, poiché i tuoi dati passano attraverso i server in diverse parti del mondo, prima di raggiungere la destinazione finale.

Cosa significa che questi server virtuali sono protetti da criminali informatici, agenzie di intelligence segrete o cacciatori di violazioni del copyright? Non c'è garanzia!

Un server potrebbe trovarsi in una giurisdizione FVEY

Un semplice strumento di traccia traccia può indicare da dove proviene l'IP, quindi puoi scavare un po 'più a fondo per trovare il data center per quel particolare indirizzo IP.

Sulla base dei miei test, la maggior parte delle sedi virtuali proviene da data center in giurisdizioni a 5, 9 e 14 occhi, che gestiscono i propri servizi, vendendo server bare metal o virtuali.

Questo è incredibilmente allarmante, come paesi etichettati come “Nemici Internet” imporre pratiche obbligatorie di conservazione dei dati per ISP, provider di telecomunicazioni e data center.

Di conseguenza, anche se si tenta di evitare l'accesso ai dati privati ​​in questi paesi, potrebbe finire il routing da un server presente nel FVEY, che memorizza i registri di sessione / attività.

Gli utenti possono ricevere velocità scarse a causa della distanza del server

Quando ti connetti a un server falso (virtuale), prevedi una notevole riduzione delle prestazioni e della velocità. Questo perché il server effettivo potrebbe essere lontano dalla posizione in cui sei connesso.

Ad esempio, quando mi sono connesso a un server pakistano di VyprVPN, un percorso di tracciamento ha identificato che il server reale si trova effettivamente in Israele. È abbastanza lontano da coprire.

Questa distanza fa la differenza tra una connessione VPN che è veloce, stabile e coerente rispetto a una connessione che è irregolare e causa molti problemi di connettività.

I clienti pagano gli abbonamenti solo per accedere ai server falsi

I fornitori possono utilizzare un forte marketing per vendere l'idea di privacy con posizioni false (virtuali), ma la verità rimane costante: i clienti non ottengono le vere posizioni dei server VPN per cui hanno pagato.

Quando ti iscrivi a un servizio VPN e ti colleghi a un server specifico, è ragionevole pensare che il server sia basato in quel determinato paese.

Quindi, i provider VPN che in realtà mentono sulla posizione reale di un SERVER sono un enorme tradimento della fiducia, e dovresti considerarli responsabili, specialmente se affermano che i loro server sono tutti bare metal!

Perché i provider VPN utilizzano questi server falsi?

Non molti provider rivelano di utilizzare posizioni fittizie. La maggior parte afferma di utilizzare server bare metal per soddisfare i requisiti di geo-spoofing dei propri clienti.

Tuttavia, questo varia a seconda del provider. Ad esempio, alcuni sono onesti sull'uso di posizioni virtuali come ExpressVPN, PureVPN, VyprVPN e Hide My Ass.

Dopo aver esaminato e testato i loro server, sono venuto a sapere che l'utilizzo di tali server falsi è piuttosto vantaggioso per i provider. Di seguito sono riportati alcuni motivi per cui:

Conveniente - Risparmia un sacco di soldi

La prima e principale ragione per cui i fornitori che investono in posizioni virtuali è risparmiare SOLDI. I costi per i server bare metal possono essere piuttosto costosi, soprattutto se ne hai bisogno in più posizioni.

Di conseguenza, i provider VPN esternalizzano i data center in diversi paesi, acquistando piani per server virtuali. L'uso di un server per accedere a numerose posizioni false riduce significativamente i costi.

L'esecuzione di una stessa VPN è piuttosto costosa, poiché i provider devono pagare per aggiornamenti / sviluppo di app, supporto tecnico, espansione del server, ecc. Quindi, quale provider non vorrebbe risparmiare denaro?

Marketing Gimmick - Più server = Ricorso elevato

Molti provider possono negarlo, ma acquistano server falsi (virtuali) a costi inferiori per ottenere un aumento della credibilità e ottenere più clienti. Ancora una volta, questo è un tradimento della tua fiducia.

Se un provider utilizza posizioni false, dovrebbe essere onesto a riguardo, simile a ExpressVPN, che elenca anche tutto il 3% dei server virtuali (che rappresentano l'1% del suo traffico complessivo).

Altrimenti, la pubblicità di numerose posizioni dei server VPN è solo una tattica di marketing per rendere il prodotto più attraente per i netizen, che finirà per vendere più abbonamenti VPN.

Richieste del cliente - Server in posizioni difficili!

Non è necessario che ogni fornitore che investe in posizioni virtuali sia considerato losco. Dopo aver appreso di più sulle varie leggi nazionali, mi sono reso conto che ottenere server è in realtà un compito difficile.

I clienti richiedono continuamente ai fornitori di implementare server in paesi con leggi Internet rigide come Iran, Iraq, Turchia, Bangladesh, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Russia e Cina.

Se un provider non può accedere a un buon server, fornisce una posizione del server virtuale per fornire ai clienti un indirizzo IP nella località dell'endpoint desiderata. Ecco cosa ha da dire ExpressVPN:

ExpressVPN ha standard rigorosi per i server per garantire la possibilità di connettersi in modo sicuro, affidabile e a velocità costantemente elevate. In alcuni paesi, può essere difficile trovare server che soddisfino queste qualifiche. Le posizioni dei server VPN virtuali ti consentono di connetterti a tali paesi, fornendo comunque la qualità di connessione che ti aspetti da ExpressVPN.

Provider di prova e relative posizioni dei server VPN

Con così tanta incertezza riguardo ai server fisici e virtuali, è saggio che gli utenti conducano un test adeguato per determinare la VERITÀ. Ho fatto lo stesso e i risultati sono stati affascinanti!

Di seguito elencherò alcuni provider che hanno posizioni virtuali conosciute, rivelando anche i risultati per i server fisici reali. Per ogni VPN, ho usato quattro strumenti diversi per verificare le posizioni reali:

  1. Lo strumento Ping Test di CA App Synthetic Monitor
  2. Lo strumento Traceroute di CA App Synthetic Monitor
  3. BGP Toolkit di Hurricane Electric Services
  4. Lo strumento Prompt dei comandi a.k.a. CMD su Windows 1

Per capire come utilizzo questi strumenti insieme, ho evidenziato il processo di test nei passaggi seguenti. Puoi seguire le stesse istruzioni per condurre i tuoi test del server per VPN diverse.

Passaggio 1: eseguire il ping del server in 90 posizioni diverse

Il processo consiste innanzitutto nel testare un server tramite lo strumento ping. Dispone di oltre 90 diverse località in tutto il mondo, rendendo più semplice l'analisi del tempo di andata e ritorno (RTT) in vari paesi e città. Più basso è il tempo (ms), più il server è vicino.

Ad esempio, supponiamo di aver testato un server situato negli Emirati Arabi Uniti. Il tempo (ms) durante il test del ping dovrebbe mostrare un RTT inferiore per le città vicine come Dubai, Sharjah o Abu Dhabi. Tuttavia, in realtà tende ad essere molto più elevato rispetto a una località completamente lontana, negli Stati Uniti.

Se il tempo RTT è basso per gli Stati Uniti, ma maggiore per la stessa posizione negli Emirati Arabi Uniti, puoi determinare che il server è basato da qualche parte negli Stati Uniti e hai solo accesso a un indirizzo IP con la destinazione dell'endpoint degli Emirati Arabi Uniti. Stai utilizzando un server VIRTUAL.

Passaggio 2: Tracerouting del server tramite ASM e CMD

Per confermare questi risultati, il passo successivo è utilizzare lo strumento traceroute. Ciò consente agli utenti di misurare la distanza lungo la rete dal server finale. Ad esempio, un traceroute negli Emirati Arabi Uniti mostra che il server VPN è a 20 ms di distanza, il che significa che si trova lontano.

Tuttavia, se mancavano solo 2 ms, puoi vedere chiaramente che il server si trova effettivamente negli Emirati Arabi Uniti. Questo è dove la CMD “tracert” è utile, consentendo di capire dove inizia la connessione prima di eseguire il ping all'indirizzo IP dell'endpoint.

Passaggio 3: controllo dell'indirizzo IP e della posizione del data center

Ora prendo semplicemente l'IP e poi lo incollo nel toolkit BGP di Hurricane Electric Services, che è una directory di indirizzi IP divisa dagli ISP in tutto il mondo.

Se l'indirizzo IP rivela che il data center è basato negli Stati Uniti, è possibile verificare che si stia utilizzando un SERVER FAKE UAE. Ciò non significa che tu abbia problemi a sbloccare i siti Web con sede negli Emirati Arabi Uniti.

Provider che utilizzano posizioni virtuali

    1. Posizioni del server VyprVPN
    2. Posizioni del server ExpressVPN
    3. Posizioni del server Surfshark
    4. Posizioni del server HideMyAss
    5. Posizioni dei server PureVPN

VyprVPN

Con sede in Svizzera e gestito da Golden Frog, VyprVPN è entrata nel mercato nel 2009. Durante questo periodo, è riuscita a sviluppare una solida reputazione per velocità e affidabilità.

Hanno anche una politica verificata senza registri, verificata dal Leviathan Security Group. Il provider non nega l'utilizzo di posizioni virtuali e dispone di una pagina dedicata sull'argomento.

Indirizzi del server VyprVPN

In definitiva, iscriversi al provider dipende dai consumatori, sto solo mostrando come appare un server virtuale. Per questo, per prima cosa ho ottenuto l'accesso agli indirizzi del server VyprVPN dalla loro pagina di supporto.

Ho scelto il loro server pakistano - Karachi per i test: pk1.vpn.goldenfrog.com. Ho copiato e incollato questo server nello strumento Ping Test di ASM.

VyprVPN ASM Ping Test - Server pakistano

Lo strumento ha eseguito il ping del server in oltre 90 posizioni diverse, ma nessuno si trovava nelle immediate vicinanze di paesi dell'Asia meridionale o persino del paese vicino, l'India.

Tieni presente che più bassa è la RTT, più il server è vicino. E il min.rtt dal server pakistano proveniva da una posizione israeliana, Kiryat-Matalon.

VyprVPN ASM Ping Test - Pakistani Server 2

Per verificarlo, ho prima condotto un traceroute da un server in Pakistan, ma l'RTT era piuttosto elevato. Ho quindi deciso di eseguire un altro traceroute, ma questa volta da Israele - Kiryat-Matalon.

Come puoi vedere sotto, i tempi di ping sono stati incredibilmente veloci, mostrando un basso (ms) dall'indirizzo IP Israele - Kiryat-Matalon. Ciò afferma che il server è effettivamente basato in Israele.

VyprVPN ASM Traceroute Test - Pakistani Server

Per un'ulteriore verifica, ho eseguito un altro test traceroute dallo strumento CMD direttamente tramite “tracert” comando. Ciò semplifica la comprensione dell'intero processo di ping per il server.

Test traceroute CMD VyprVPN - Server pakistano

Prendo semplicemente l'indirizzo IP, prima del ping finale e ora uso il toolkit BGP di Hurricane Electric Services per determinare la posizione del data center.

Se ti stai chiedendo perché mancano alcuni indirizzi IP nel test ping, li ho sfocati per proteggere la mia privacy e posizione, ma i risultati di BGP verificano tutti i nostri test:

Test VkprVPN BGP Toolkit - Server pakistano in Israele

Questo è il modo in cui controlli l'autenticità dei server e se sono effettivamente basati sulla posizione che rivendicano. Il server pakistano è una posizione virtuale con il server fisico presente in Israele.

Per VyprVPN, in realtà rivelano l'uso di posizioni virtuali nel loro elenco di indirizzi del server VPN, quindi è tutto a posto. Oltre al loro server pakistano, ecco le altre posizioni fittizie del server VPN trovate con VyprVPN.

Australia (via Singapore) Germania (via Paesi Bassi) Portogallo (via Paesi Bassi)
Austria (via Paesi Bassi) Indonesia (via Singapore) Polonia (via Paesi Bassi)
Argentina (via USA) Italia (via Paesi Bassi) Filippine (via Singapore)
Algeria (via Israele) Islanda (via USA) Panamá (via USA)
Brasile (via USA) India (via Emirati Arabi Uniti) Qatar (via Emirati Arabi Uniti)
Bahrein (via Emirati Arabi Uniti) Irlanda (via USA) Russia (via Paesi Bassi)
Bulgaria (via Paesi Bassi) Lettonia (via Singapore) Romania (via Paesi Bassi)
Belgio (via Paesi Bassi) Lussemburgo (via Paesi Bassi) Spagna (via Paesi Bassi)
Repubblica Ceca (via Paesi Bassi) Lituania (via Paesi Bassi) Slovacchia (via Paesi Bassi)
Costa Rica (via USA) Liechtenstein (via Paesi Bassi) Slovenia (via Paesi Bassi)
Colombia (via USA) Malesia (via Singapore) Svezia (via Paesi Bassi)
Danimarca (via Paesi Bassi) Messico (via USA) Arabia Saudita (via Emirati Arabi Uniti)
Egitto (via Israele) Maldive (via Singapore) Taiwan (via Hong Kong)
Francia (via Paesi Bassi) Macao (via Hong Kong) Turchia (via Paesi Bassi)
Finlandia (via Paesi Bassi) Isole Marshall (via Singapore) Thailandia (via Singapore)
Grecia (via Israele) Norvegia (via Paesi Bassi) Ucraina (via Paesi Bassi)
Vietnam (via Singapore)

L'unica cosa sospetta su VyprVPN’s location è che la maggior parte di loro risiede in Olanda e Singapore con i loro data center con sede negli Stati Uniti.

Dopo aver analizzato molti indirizzi IP end-point su più server, nomi come SoftLayer, Data Foundry e Powerhouse Management sono emersi ripetutamente.

Tenere presente che i data center negli Stati Uniti devono rispettare le leggi sulla conservazione dei dati obbligatorie. Per non parlare del fatto che il paese è un'alleanza FVEY.

ExpressVPN

Con sede nelle Isole Vergini britanniche, ExpressVPN esiste come un tuttofare nel mercato delle VPN, offrendo agli utenti caratteristiche / strumenti, prestazioni, affidabilità e anonimato eccezionali.

Simile a VyprVPN, ExpressVPN non nasconde che utilizza posizioni virtuali. In effetti, hanno una pagina dedicata che fornisce tutte le informazioni sui loro server.

Per meno del 3% di ExpressVPN’s conteggio del server, l'indirizzo IP registrato corrisponde al paese a cui si è scelto di connettersi, mentre il server si trova fisicamente in un altro paese, generalmente nelle vicinanze. Questi sono chiamati percorsi dei server VPN virtuali e aiutano a garantire che la tua connessione sia veloce, sicura e affidabile.

Li ho ancora testati per informare gli utenti che, indipendentemente da quanto sia affidabile / popolare un servizio, ci si può aspettare che indulgano in varie pratiche losche per far funzionare il loro prodotto.

Per questo, ho effettuato l'accesso al mio account ExpressVPN e fatto clic su “Configurare ExpressVPN” pulsante e quindi “Configurazione manuale”. Qui puoi trovare gli indirizzi dei server per OpenVPN e PPTP & Connessioni L2TP / IPSec.

Indirizzi del server ExpressVPN

Gli indirizzi dei server sono già disponibili per PPTP & Connessioni L2TP / IPSec. Pertanto, se si desidera testare un server, selezionare semplicemente una posizione e utilizzare lo strumento ping ASM per testare i tempi di andata e ritorno.

Se scarichi un file .ovpn, puoi semplicemente avviarlo tramite il browser Chrome per trovare l'indirizzo del server. Il processo è abbastanza semplice e non richiede alcuno sforzo aggiuntivo.

ExpressVPN .ovpn Identificazione indirizzo server

Per i miei test, ho scelto prima un server indonesiano dal PPTP & Categoria L2TP / IPSec. L'indirizzo del server è il seguente: indonesia-ubuntu-l2tp.xvnet.net.

Ho incollato l'indirizzo del server nel test ping del monitor sintetico dell'app e ho aspettato che lo strumento eseguisse il ping del server in oltre 90 località diverse in tutto il mondo.

ExpressVPN ASM Ping Test - Server indonesiano

Per quanto riguarda i risultati attesi, se sto testando un server in Indonesia, dovrebbe trovarsi nel paese. Tuttavia, RTT’s mostra una storia completamente diversa.

Sebbene l'RTT sia abbastanza inferiore per l'Indonesia rispetto alla maggior parte dei paesi del mondo, i risultati più importanti che ho ricevuto sono stati da un cantante di Ping di Singapore.

ExpressVPN ASM Ping Test - Indonesian Server 2

Se vedi di seguito, noterai che il tempo di andata e ritorno minimo, medio e massimo per il server indonesiano è molto inferiore a Singapore rispetto alla stessa Indonesia.

Laddove l'Indonesia toccava da 15.904 a 16.683 (ms) al massimo, il ping verso un server di Singapore stava toccando da un misero 2.042 a 2.208 (ms) al massimo.

ExpressVPN ASM Ping Test - Server indonesiano 3

Ciò significa che il server si trova a Singapore e l'unico modo per verificarlo è condurre un traceroute da ASM e CMD sia.

Su ASM, ho effettivamente condotto un traceroute da Singapore. Come puoi vedere, il traceroute indica che l'RTT (ms) di Singapore impiega appena circa 1.877.

ExpressVPN ASM Traceroute Test - Server indonesiano

Sul CMD, si può vedere che senza inserire da dove condurre il traceroute, l'IP dell'endpoint è lo stesso del test ASM Traceroute: 174.133.118.131.

ExpressVPN CMD Traceroute Test - Server indonesiano

Per ulteriori verifiche, incollo questo indirizzo IP nel toolkit BGP di Hurricane Electric Services per determinare la posizione del data center.

I risultati confermano la nostra speculazione. ExpressVPN’s Il server indonesiano è in realtà VIRTUALE, instradando da Singapore ma attraverso un datacenter dagli Stati Uniti: http://www.softlayer.com.

ExpressVPN BGP Toolkit - Server indonesiano negli Stati Uniti

Oltre all'Indonesia, qui ci sono altre posizioni del server VPN Express (che sono fittizie). L'elenco si estende a 33 server, pari al 3% dei provider’ server globali in tutto il mondo.

Armenia (via Paesi Bassi) Laos (via Singapore)
Andorra (via Paesi Bassi) Macedonia (via Paesi Bassi)
Brunei (via Singapore) Montenegro (via Paesi Bassi)
Bhutan (via Singapore) Monaco (via Paesi Bassi)
Bielorussia (via Paesi Bassi)) Myanmar (via Singapore)
Bangladesh (via Singapore) Mongolia (via Singapore)
Bosnia ed Erzegovina (via Paesi Bassi) Malta (via Paesi Bassi)
Cambogia (via Singapore) Nepal (via Singapore)
Ecuador (via Colombia) Perù (via Colombia)
Guatemala (via Colombia) Filippine (via Singapore)
Indonesia (via Singapore) Pakistan (via Singapore)
Isola di Man (via Paesi Bassi) Sri Lanka (via Singapore)
India (tramite il Regno Unito) * Turchia (via Paesi Bassi)
Jersey (via Paesi Bassi) Uruguay (via Argentina)
Kazakistan (via Singapore) Vietnam (via Singapore)
Liechtenstein (via Paesi Bassi) Venezuela (via Brasile)

Surfshark

Con sede nelle Isole Vergini britanniche, Surfshark è un nuovo servizio VPN, che si fa strada nel mercato nella primavera del 2018. Durante questo breve periodo, il provider è diventato abbastanza famoso.

Offre app per tutte le piattaforme / dispositivi, strumenti avanzati per la privacy, un forte supporto tecnico e tutto ciò che ti aspetteresti da un servizio VPN di successo. Surfshark non è onesto però.

Posizioni virtuali di Surfshark - Trascrizione della chat

Mi sono avvicinato al loro supporto live chat per saperne di più sulle offerte di server virtuali / fisici, ma il rappresentante ha completamente negato di avere posizioni fittizie.

Questa era una bugia, perché Surfshark utilizza davvero server virtuali. Ho condotto un test sul loro server indiano in-mum.prod.surfshark.com prima via ASM’s Strumento di test ping.

Surfshark ASM Ping Test - Server indiano

Simile ai risultati dei test di cui sopra, la RTT in India - Mumbai stessa era superiore alla RTT in Olanda - Amsterdam. Perché altrimenti succederebbe se il server non fosse basato nei Paesi Bassi?

Surfshark ASM Ping Test - Indian Server 2

Controlla la differenza nei tempi di ping sopra e sotto. Per India, Mumbai (posizione del server), la RTT è in media tra 118.977 (ms) e 119.709 (ms), ma per i Paesi Bassi è 3.349 (ms) e 5.066 (ms).

Surfshark ASM Ping Test - Indian Server 3

Ora, dovevo solo condurre un test traceroute per determinare se questo è vero, e i risultati seguenti mostrano che un traceroute dai Paesi Bassi (Amsterdam) all'India è in realtà abbastanza vicino.

Surfshark ASM Traceroute Test - Indian Server

Ho eseguito un comando tracert anche su CMD. Se guardi lo screenshot qui sotto, noterai che l'IP del punto finale è lo stesso di quello nel tracert ASM (nonostante non menzioni da dove condurre il traceroute).

Surfshark CMD Traceroute Test - Indian Server

Dopo aver incollato questo indirizzo IP: 5.225.86.229 nel toolkit BGP di Hurricane Electric Services, anche la posizione del datacenter si è trovata in Olanda.

Surfshark BGP Toolkit - Server indiano nei Paesi Bassi

I nostri risultati dei test mostrano che il server indiano è in realtà virtuale con il server bare metal (fisico) presente in un datacenter situato in Olanda. Questo significa Surfshark’le affermazioni di s sono false.

Ho anche chiesto loro se è garanzia che tutti i loro server siano fisici e hanno detto “sì”, ma i risultati di questi test mostrano diversamente. Fortunatamente, questo era solo per DUE server.

Il primo server è dell'India, per il quale ho appena rivelato i test. Un altro è Surfshark’s Vietnam - Server Ho Chi Minh City, che viaggia dal Belgio attraverso un datacenter situato nei Paesi Bassi.

La mia opinione personale su posizioni virtuali

Sigh ... tutti questi test mi fanno davvero stanco. Aumenta anche la mia frustrazione, soprattutto quando incontro fornitori che non sono onesti sulle loro offerte.

Con ogni posizione virtuale che ho trovato, puoi vedere gli strumenti che ho usato mi sono tornati utili nel rivelare la stessa posizione, mostrandoti anche dove si trova il DATA CENTER.

Non importa a quale server ti connetti, potrebbero esserci sempre variabili e hop diversi nell'infrastruttura di una rete virtuale e questo potrebbe essere un problema se vuoi:

  1. Per stare lontano da alcuni paesi (come quelli basati nelle giurisdizioni 5, 9 e 14 Eyes).
  2. Per ottenere buone prestazioni VPN, il che non è possibile se il server si trova lontano.
  3. Per accedere a contenuti bloccati / soggetti a restrizioni, ma non è possibile perché si utilizza un server falso.

Ancora più importante, può essere una questione di delusione, se ti aspetti che il server si trovi dove la VPN dice che è, ma in realtà stanno mentendo.

Le posizioni dei server VPN virtuali saranno mai accettabili?

A dire il vero, non credo che le posizioni virtuali siano un grande AFFARE. Certo, hanno alcuni aspetti negativi, ma si dimostrano utili anche in circostanze:

  1. Laddove un fornitore non può accedere a regioni remote o paesi in via di sviluppo.
  2. I servizi VPN potrebbero riscontrare problemi nell'hosting dei server VPN, a causa delle leggi obbligatorie sulla conservazione dei dati.

Ad esempio, NordVPN ha recentemente rimosso i propri server russi, dopo aver ricevuto un avviso di collaborazione con il governo e aver rivelato tutti i dati (se presenti) dai loro server bare metal.

Alla fine, credo che sia SOLO SOLO SU ONESTÀ E TRASPARENZA. Se si utilizzano posizioni virtuali, informarne gli utenti, piuttosto che mentire palesemente.

In questo modo, gli utenti stessi saranno in grado di selezionare le posizioni dei server migliori per una VPN e decidere se vogliono fidarsi dei loro dati con il provider!

Avvolgere le cose

Con questo, concludo questa guida alle posizioni virtuali. La premessa principale è di informare gli utenti che cos'è un indirizzo server VPN e come chiedere ai provider, in merito alle loro offerte di server fisici e virtuali, prima di registrarsi.

Dopotutto, non vorresti rischiare di collegarti a un server in un paese, solo per rendersi conto che non si trova lì e potrebbe rischiare la tua privacy / anonimato.

Se avete domande / domande, non esitate a commentare di seguito. Risponderò personalmente e proverò a fornire tutta l'assistenza possibile.

Inoltre, aiuta un fratello condividendo questa guida con altri che vogliono saperne di più sui server VPN fisici e virtuali. Grazie e buona giornata!

Brayan Jackson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me